Estate 1928, costa danese. Badehotellet è la storia degli ospiti e dello staff di un albergo a ridosso delle dune del Mare del Nord. Sono gli anni che precedono la grande crisi finanziaria, la gente è ottimista, le vacanze si passano in luoghi ancora incontaminati da villini e alberghi che affollano il paesaggio, si respira aria di spensieratezza, nonostante il duro lavoro della stagione per Fie, cameriera appena arrivata e che si fa già notare per la bravura e le capacità organizzative, e che qui conoscerà Morten, un giovane e affascinante pescatore dal passato sofferto. A rovinare le cose ci penserà Amanda, la giovane figlia di un grossista che per scommessa con un’amica non vede l’ora di perdere la verginità, e che il padre vorrebbe sposare a un bel conte che vorrebbe investire sui terreni circostanti costruendo villini per le vacanze.

Il contorno è allietato da personaggi di diversa natura, l’attore dongiovanni sposato per la terza volta ma ancora insoddisfatto; la coppia in cui marito è molto più anziano e la moglie giovane incuriosisce tutti per la sua alimentazione crudista e i bagni al mare “come mamma l’ha fatta”; l’arcigna signora perbene di Copenaghen alla ricerca disperata di una moglie per il figlio professore universitario con la passione per la natura e la botanica; l’imprenditore ottimista che pensa di sapere tutto… lo staff che deve affrontare tutti i giorni le lamentele del proprietario, e tanti altri che si susseguono nelle diverse stagioni. La storia, tra humour e momenti seri, dinamiche tra persone ricche e persone povere, lacrime e risate, si snoderà in un periodo in cui ben presto ogni certezza sarà perduta, e nonostante questo non si smetterà di sognare la felicità.

 

Annunci