Serie norvegese andata in onda ad inizio 2017, ma attenzione, non è il solito thriller. Vero è che una ragazzina di dieci anni, Silja, sparisce dopo aver trovato una… mano… nel fiume dietro casa sua, non molto distante dal confine finlandese-russo. Vero è che il ritrovamento non è a lieto fine. Ma, stranamente, l’esercito si rifiuta di aiutare nelle ricerche e succedono altre cose piuttosto strane.

La famiglia della bambina è laestadiana, ed è molto chiusa. La madre è la pecora nera del villaggio, è la prostituta dei militari. Tra di essi, arriva un nuovo elemento piuttosto giovane (Thomas Hayes, per la gioia dei fans di Skam), che sembra lavorare per qualcun altro… protagonisti per eccellenza, tuttavia, sono il capo della polizia Thomas Lønnhøiden (Espen Reboli Bjerke) e il capo delle truppe, Mia Holt (Ingeborg Sundrehagen Raustøl, la dottoressa Mina in Maniac). Sullo sfondo, il rapporto con… la Russia! Siamo solo noi a vedere in queste serie tv norvegesi una sorta di guerra fredda?

Gli otto episodi sono tradotti da NorthWay Fansub.

 

Annunci