Belfer aka The Teach, la Twin Peaks polacca

Trasmessa da Canal+ nel 2016, confermata per una seconda stagione rilasciata nel 2017, scopriamo una serie tv crime polacca che, come tante altre ormai, ripete la formula di Twin Peaks, senza per questo peccare di banalità.

In una cittadina immaginaria della Polonia, Dobrowice, tre ragazzi trovano una compagna di scuola priva di vita in un bosco. Uno dei tre è proprio il suo ragazzo, noto per il carattere turbolento e per le sfuriate che le faceva per gelosia. Inizialmente la polizia parla di suicidio: nella borsa viene trovato un contenitore di psicofarmaci vuoto. Sarà l’autopsia a smontare la tesi del suicidio, la ragazza è stata uccisa ed era in stato interessante.

Joanna (Katarzyna Sawczuk)

Proprio il giorno dopo, viene assunto dalla stessa scuola della ragazza un docente di polacco che proviene da Varsavia, Paweł Zawadzki (Maciej Stuhr), laureato in psicologia e con esperienza di adolescenti problematici. Tutti si domandano come mai un insegnante abbia deciso di lasciare la capitale per un paesino di montagna. E presto lo spettatore si chiederà che rapporto abbia con la famiglia di Joanna, la vittima.

Paweł Zawadzki

Come ogni serie crime ispirata a Twin Peaks, i cittadini hanno segreti da nascondere: gli imprenditori corrotti hanno interessi sul terreno e premono per far sì che il caso venga chiuso, il professore di ginnastica sembra un pedofilo (Lukasz Simlat, 1983), il fidanzato è il primo sospettato, il giornalista è strambo, la mamma di Joanna ( Aleksandra Poplawska di Wataha) nasconde un segreto importante. Poi ci sono gli studenti, problematici, figli di papà, tossici, che vengono interrogati dalla polizia e sostengono che Joanna, l’alunna modello, fosse odiata da tutti.

Il professore si fa carico delle indagini e diventa una sorta di investigatore privato dalle intuizioni geniali. La polizia, d’altra parte, lavora in modo superficiale. In ogni episodio scopriamo un nuovo sospettato, in tutto le puntate sono dieci e scorrono veloci. Non ritroveremo il livello recitativo di Wataha o 1983, ma per delle serate estive all’insegna del crime mi sento di consigliarvela.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...