Una “Rose” alla luce del sole

Anche questa settimana due chicche made in UK ed entrambe inedite nel nostro paese.

La prima è THERE SHE GOES (Dramedy|BBC|2018|1 stagione ma rinnovata per una seconda) con David Tennant, Jessica Hynes, Miley Locke. In Italia è inedita ma i sottotitoli sono reperibili. Uno sguardo nella vita di Rose che soffre di una disabilità cognitiva, seguendo le difficoltà nel riuscire ad affrontare situazioni semplici come una gita al parco o i tentativi di farle capire che il suo compleanno non viene festeggiato ogni giorno.

.::Cosa ne penso::.

Una serie che merita non solo per il livello recitativo o per il numero limitato di episodi (cinque da trenta minuti) ma anche per come è stata impostata, la serie mostra le difficoltà che i genitori (ma non solo) devono affrontare quando si ha una figlia con una disabilità, in questo caso cognitiva, e lo fa con i toni dello humor britannico ma anche con serietà: le parti drammatiche non mancano. I differenti approcci dei genitori nei confronti di Rose e l’iniziale rifiuto della madre di amare la propria figlia, amore che poi arriverà nel corso del tempo, e le difficoltà nel rapportarsi con le altre altre madri, rendono questa serie un piccolo gioiello.

La seconda è IN PLAIN SIGHT (Period Drama, Crime|ITV|2016|3 episodi) con Douglas Henshall, Martin Compston, Brian McCardie. In Italia è inedita ma i sottotitoli sono reperibili. La vera storia del detective William Muncie mentre cerca di assicurare alla giustizia il famigerato assassino Peter Manuel. La storia comincia con l’arresto di Manuel nel 1946 per violazione di domicilio e per una serie di aggressioni sessuali.

.::Cosa ne penso::.

Potevo io perdermi qualcosa che fosse ambientato in Scozia? No, certo che no. Quindi eccomi qui a consigliarvi questa miniserie che merita sia per la sceneggiatura sia per la storia (vera) sia per le atmosfere e la recitazione. Henshall è un perfetto Muncie con i suoi toni compassati e il suo senso di giustizia, così come Compston riesce a dare la giusta astuzia e agghiacciante freddezza a Manuel. La serie mostra sia i pregiudizi della polizia e dei giudici che la rusticità dei metodi investigativi tipici di quel periodo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...