Novità di febbraio – Serie TV Europee

FENIX (Paesi Bassi)

Walter Presents presenta a febbraio Fenix, una serie belga in otto puntate creata da Shariff Korver e con protagonisti Rifka Lodeizen, Teun Luijkx, Hans Dagelet e Jack Wouterse. Nel Brabante fiammingo c’è la guerra tra bande di trafficanti di droga. I due figli dei leader delle bande devono risolvere i problemi che hanno creato i loro genitori. Quando la figlia di Jos Segers viene rapita dal rivale Gideon, Jos fa un accordo col capo della polizia Peter Haag per incastrare Gideon. Ma Gideon non è l’unico ad essere tradito, e il piano si rivelerà un disastro. In seguito, la figlia di Peter e il figlio di Jos, entrambi distanti dalle loro famiglie, torneranno nel Brabante con le loro vite destinate ad incrociarsi. Insieme ripercorreranno il passato e i motivi per cui hanno lasciato il loro paese e i genitori. L’attrice Rifka Lodeizen l’abbiamo conosciuta in Overspel. Dal 21 febbraio.

THE TRUTH WILL OUT (Svezia)

La serie è ispirata alla storia vera di Thomas Quick, un pluriomicida svedese condannato che poi ha confessato di essersi inventato tutto. Al centro della storia c’è la memoria, contorta, ridotta o ricostruita, per non parlare del fallimento del sistema giudiziario svedese. Il detective Peter Wendel (Robert Gustafsson) torna a lavorare in polizia dopo un periodo di malattia, ma verrà assegnati ai casi irrisolti. Lui e la sua collega riceveranno un messaggio da un serial killer in cui afferma che il serial killer più famoso della Svezia è in realtà un fraudolento. Qualcuno dall’alto li ostacolerà nell’indagine. Cosa si nasconde dietro questa storia? E’ già prevista una seconda stagione, ma intanto la prima verrà trasmessa dall’11 febbraio.


Badehotellet 7 (Danimarca)

Torna la nostra serie danese comedy preferita, Badehotellet, per la settima stagione, e i primi episodi sono già andati in onda su DR2. Siamo in piena occupazione tedesca, ma niente ferma i nostri eroi che non rinuncerebbero mai alla loro vacanza estiva all’hotel Andersen, gestito ormai benissimo da Amanda (Amalie Dollerup), dallo chef Philip (Sigurd Holmen le Dous) e le loro ragazze. Ritroveremo i soliti ospiti, con pochi personaggi nuovi, le solite dinamiche, ma nell’aria si respira la paura del tedesco. Sulla spiaggia, i figli di Weyse (Jens Jacob Tychsen) e Helene (Cecilie Stenspil) ruberanno per gioco le divise di due tedeschi intenti a farsi un bagno. Dopo averle restituite, Weyse scopre che i due terribili monelli si sono tenuti il libretto di servizio di uno dei due. Ed è così che un bel giorno compare la polizia… vedremo come sarà gestita la situazione da albergatori e ospiti!

When the Dust Settles (Danimarca)

Når støvet har lagt sig è un multiplot drama di 10 episodi che segue le vite di otto persone prima e dopo un terribile attacco terroristico a Copenhagen. Le storie personali emergono episodio dopo episodio, ed è subito evidente che le loro azioni porteranno delle conseguenze e che i loro destini si intrecceranno. Da una bambina di 8 anni ad un anziano di 85, da un senzatetto ad un ministro della Giustizia, le storie personali illustrano quanto il mondo possa essere complesso e imprevedibile e come ci influenziamo l’uno con l’altro senza rendercene conto. Dolore, rabbia, apatia, sono i sentimenti prevalenti. Gli attori sono, tra gli altri, Karen-Lise Mynster, Jacob Lohmann, Henning Jensen, Peter Christoffersen. La prima puntata è andata in onda su DR1 il 2 febbraio e gli episodi si troveranno su DRTV ogni venerdì.

TUNN IS (Norvegia)

Il thriller in otto episodi si ispira ai cambiamenti climatici dell’Artico e i problemi geopolitici derivanti, e nasce da un’idea di Endre e Stærmose. Tutto comincia con un’imbarcazione di ricercatori in Groenlandia che subisce un attacco. Nello stesso tempo, il Consiglio Artico cerca di firmare un accordo che vieta trivellazioni e altri danni nella regione. Dietro l’accordo c’è il Ministro degli Esteri svedese Elsa (Lena Endre), il cui consigliere Viktor (Alexander Karim) è in ostaggio sulla nave sotto attacco. L’attacco mette a rischio l’accordo e in Svezia l’agente dell’Intelligence Liv (Bianca Kronlöf), incinta del bambino di Viktor, è in ansia. Tra gli altri protagonisti abbiamo Johannes Bah Kuhnke (Force Majeure), Angunnguaq Larsen (Borgen), Iben Dorner (Borgen) e Reine Brynolfsson (Springfloden). Una curiosità: l’attrice Lena Endre, sei anni fa, ha incontrato gli autoctoni dell’Artico in qualità di ambasciatrice per Greenpeace. In un’intervista ha affermato che il tema di TYNN IS (Thin Ice) è drammaticamente reale e il problema va considerato seriamente. Lei stessa ha contribuito alla creazione della serie. Anche questo ha spinto l’attrice a collaborare nella creazione della serie. In onda da pochi giorni su NRK TV.

L’AMICA GENIALE (ITALIA)

Dopo la fortunata prima stagione, HBO e RAI ci riprovano con la seconda, andata in onda questo lunedì su RAI UNO, e a giudicare dallo share, la serie piace e incuriosisce ancora. La storia del nuovo cognome è il titolo del secondo romanzo di Elena Ferrante, che ha collaborato nella stesura della sceneggiatura, identica alla storia del libro. Avevamo lasciato Lila al suo matrimonio e alla rivelazione che le rovinerà la vita e contribuirà al suo profondo odio nei confronti dei Solara e di suo marito Stefano, mentre Lenù continua a studiare pur con basso profitto, presa come sempre dai demoni della sua migliore amica, dalla relazione incerta con Antonio, tanto diverso da lei, dalla cotta non corrisposta per Nino Sarratore, l’intellettuale inquieto e irraggiungibile, e dall’odio crescente verso il rione. Durante una vacanza ad Ischia, le due amiche incontreranno Nino. Questo incontro cambierà per sempre il loro legame. Sono gli anni ’60, l’Italia sta cambiando, ma nel rione resta tutto identico, compresa la violenza sulle donne e il loro totale annullarsi nell’occuparsi di mariti e figli. La storia a noi piace, la ricostruzione del rione anni ’60 è perfetta. Per la recitazione delle protagoniste c’è un netto miglioramento in Gaia puntata dopo puntata, mentre troviamo Margherita ancora troppo inespressiva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...